Simona Ghizzoni

Socio Onorario

Simona Ghizzoni è fotografa e video-maker.
Dal 2005 Ghizzoni si occupa di progetti documentaristici a lungo termine riguardanti soprattutto la condizione delle donne; parallelamente conduce una ricerca personale che
esplora, quasi nella forma di un diario, il proprio femminile attraverso l’autoritratto.
Odd Days, un progetto a lungo termine sui disturbi dell’alimentazione, Afterdark, sulle conseguenze della guerra sulla vita delle donne nell’area del Mediterraneo e Uncut, un
progetto documentario sulle mutilazioni genitali femminili in Africa e in Europa sono tra le sue opere più note.
Le sue opere sono state premiate al World Press Photo nel 2008 e nel 2012, Burn Magazine Emerging Photographer Grant, The Aftermath Project, Sony World Photography Award,
European Journalism Grants, Aan Korb: BBC Arabian Film and Documentary Festival, Margaret Mead Film Festival, tra gli altri.
Attualmente pubblica su The International New York Times, The Wall Street Journal, Le Courrier International, The Mail & Guardian, L’Espresso, Io Donna, Internazionale, Vanity
Fair, El Paìs.
Ghizzoni è ambasciatrice Canon, membro fondatore di Zona.org ed è rappresentata da Maps Images.
Con base a Roma, insegna fotografia documentaria e pratiche dell’autoritratto.

Portfolio


Click the icon to lock. Turn the wheel to scroll.
Lorem ipsum dolor sit amet, utinam nusquam alienum cum ei, no maluisset constituam nec. Eam omnium conclusionemque ea, alia partem consequuntur per ut. Ea has viris mandamus patrioque, vim vidit dolore accommodare ne. Purto doctus constituam qui eu, scripta qualisque has ei, id mea solum verear invidunt. Nec vidit bonorum ea, te minimum fierent sadipscing vix.
<# if ( is_large_view && is_fullsize_view ) { #> <# } #>